Niccolò Aiazzi - Patagonia 3043 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva UNIVERSITA' BOCCONI ​ Via Roberto Sarfatti 25 Milano 20136

Milano - dal 19 giugno al 19 settembre 2019

Niccolò Aiazzi - Patagonia

Niccolò Aiazzi - Patagonia

 [Vedi la foto originale]
UNIVERSITA' BOCCONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Roberto Sarfatti 25 (20136)
+39 0258362147
gruppo_arte_bocconi@hotmail.com
www.uni-bocconi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le fotografie esposte ritraggono luoghi fisici e meta-fisici, che trasmettono la forza e la potenza della natura ma allo stesso tempo la sua fragilità e i suoi limiti terreni
orario: Dal lunedì al venerdì: ore 9.00-20.00 / sabato: ore 10.00-18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 giugno 2019.
autori: Niccolò Aiazzi
note: PRESSO Foyer della sala ristorante
(piano seminterrato)
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Continua il sodalizio tra MIA Photo Fair e l’Università Bocconi di Milano con l’apertura della mostra Patagonia di Niccolò Aiazzi, visitabile ‪dal‬ ‪19 Giugno al 19 Settembre‬ presso lo spazio dedicato alla fotografia d’arte di ‪Via Sarfatti 25, Milano.‬
Luoghi fisici e meta-fisici, che trasmettono la forza e la potenza della natura ma allo stesso tempo la sua fragilità e i suoi limiti terreni. Si tratta infatti di paesaggi purtroppo in pericolo, che rischiano di essere distrutti o compromessi dalla civilizzazione e dall’inquinamento del mondo industrializzato. In un momento storico tristemente caratterizzato da cambiamenti climatici epocali, in cui la nostra sopravvivenza sul pianeta terra rischia di essere messa in discussione, il paesaggio da sfondo assume una centralità che è figlia della malinconia e di un senso di perdita.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram