Cosa rimane dopo gli Expo 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/10/2018
Fabrizio Cotognini è il vincitore del Premio Cairo 2018
15/10/2018
Aperte le selezioni per nctm e l’arte: Artists-in-residence, XII edizione
15/10/2018
Ecco il nuovo Consiglio Direttivo di AMACI, l’associazione dei Musei d’Arte Contemporanea
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Cosa rimane dopo gli Expo

   
   
 
Cosa rimane dopo gli Expo
pubblicato

Dal 2007, la fotografa americana Jade Doskow viaggia per il mondo alla ricerca delle gigantesche strutture architettoniche che, spessissimo, vengono abbandonate dopo la fine degli Expo e delle fiere internazionali. Se opere come la Torre Eiffel, costruita nel 1889 a conclusione dell’Esposizione Universale di Parigi, sono rimasti monumenti famosissimi, diventando simboli di intere città, il destino di questi edifici non è sempre così fortunato. Attraverso le sue fotografie, Doskow documenta l’impatto che le esposizioni temporanee hanno sul territorio che le ha ospitate, sottolineando come la maggior parte degli ex padiglioni, un tempo visti come innovazioni architettoniche e tecnologiche, non siano stati mai stati riconvertiti ad altri usi, e oggi sono solo reliquie ingombranti di un passato oramai lontano. Il progetto è stato pubblicato nel libro "Lost Utopias”, edito da Black Dog, e fino al 20 maggio, sarà in mostra alla Front New Gallery di New York.



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram