Expatrie, di Iginio De Luca 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Expatrie, di Iginio De Luca

   
   
 
Expatrie, di Iginio De Luca
pubblicato

 Dal mio punto di vista la politica nell’arte è sempre presente, non solo quando si parla di politica tout court ma anzi più spesso quando non se ne parla. Così è per il lavoro di Iginio De Luca, realizzato nella Casa dell’Architettura. Iginio ha voluto dare anche lui un contributo al progetto del Maam. Ora per me che considero il Maam una idea piuttosto lontana dal concetto di arte pubblica, eccetto alcuni meravigliosi esempi di artisti che davvero hanno contribuito a dare un senso al lavoro all’interno di quegli spazi, è difficile parlare di un lavoro fatto per quel luogo. Iginio fa eccezione però, perché di quel luogo ha colto l’essenza, e l’ha portata via da lì, unico passaggio possibile per un artista. Contribuire a cambiare qualcosa. Non so se il lavoro di Iginio ci sia riuscito, certo è che con i suoi ritratti, qualcosa ha voluto dire. Ha lasciato che i volti di queste persone, che da anni vivono in quel luogo così lontano da tutto e da tutti, acquisissero una coscienza, per tutti, anche per coloro che vivono circondati dal benessere e dai tanti benefit del proprio vivere. Iginio ha portato queste persone in un luogo centrale, per una volta protagonisti non passivi, consapevoli del loro essere, in quel mondo ma soprattutto nel nostro mondo. Mi è capitato di vedere la mostra in un momento particolare della mia vita, momento in cui le quattro mura di una casa, quelle che l’artista ha ridisegnato sopra i volti delle persone fotografate,  hanno per me una valenza non da poco. Mi sono immaginata dunque io per un attimo protagonista di quelle storie, meravigliosamente raccontate nel video che fa da compendio alle foto. Ecco, dovremmo tutti ripensare alle nostre vite, ai nostri benefit, ai vantaggi del nostro vivere quotidiano soprattutto quando sentiamo certa gente essere felice di vivere in un posto come quello, per noi forse inadatto, ma per loro invece luogo di felicità. Anche, a volte. 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram