Greta Citti - Isola P. Paradiso, prigione, Pianosa 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ Marciana 57030

Marciana (LI) - dal 19 giugno al 3 luglio 2019

Greta Citti - Isola P. Paradiso, prigione, Pianosa

Greta Citti - Isola P. Paradiso, prigione, Pianosa
Greta Citti. Isola P. Paradiso, prigione, Pianosa
 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(57030)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Marciana Borgo d'Arte, II edizione, 2019, presenta una mostra fotografica di Greta Citti dedicata alla piccola isola di Pianosa, all'interno dell'arcipelago toscano
orario: dal lunedì alla domenica, ore 10 - 13 e 16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 giugno 2019. ore 19.00
curatori: Roberto Ridi
autori: Greta Citti
patrocini: Comune di Marciana, Parco Nazionale Arcipelago Toscano
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’Isola di Pianosa è un piccolo paradiso parte dell’Arcipelago Toscano.
Nel 1856 fu trasformata in colonia penale in quanto luogo ideale per l’isolamento e il controllo.
Nel 1932 Sandro Pertini fu incarcerato per ragioni politiche e venne recluso sull’isola.
Nel 1970 l’ex sanatorio, fu trasformato in prigione di massima sicurezza. Con il nome di sezione Agrippa, l’edificio confinò boss mafiosi e terroristi delle Brigate Rosse come Giovanni Senzani, Renato Curcio, Alberto Franceschini e Bruno Seghetti.
Nel maggio del 1977 furono trasferiti nel carcere di Pianosa seicento detenuti sottoposti all’articolo 41-bis.
L’isola diventò una prigione impenetrabile fino al 17 Luglio del 1997, quando Gaetano Murana, coinvolto nell’attentato del giudice Paolo Borsellino, fu l’ultimo detenuto ad essere trasferito in un altro carcere.
Questi anni della storia di Pianosa sono noti per le violenze e le brutalità inflitte ai detenuti; la prigione venne chiusa nel 1998.
Adesso l’isola ospita 22 detenuti in semilibertà provenienti dal carcere di Porto Azzurro, a Pianosa sono impegnati nei lavori agricoli e in lavori di manutenzione per la ristrutturazione degli immobili.
Le immagini e il video raccontano un fazzoletto di terra edenica e chi la abita
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram