Crossing the river 3051 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE SASSI ​ Via San Giovanni Vecchio 7 Matera 75100

Matera - dal 7 al 19 giugno 2019

Crossing the river

Crossing the river

 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE SASSI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Giovanni Vecchio 7 (75100)
Rione Sasso Barisano
+39 0835333348
info@fondazionesassi.org
www.fondazionesassi.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra fotografica dedicata al tema della lotta alla mortalità materno-infantile in Africa
orario: tutti i giorni, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 7 giugno 2019. ore 19
autori: Valeria Scrilatti
genere: documentaria, fotografia

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Inaugura venerdì 7 giugno alle 19.00 a Matera la
mostra fotografica “Crossing the river”, ospitata dalla Fondazione Sassi (via San
Giovanni vecchio 24/27) e dedicata al tema della lotta alla mortalità materno-infantile
in Africa. In occasione dell’inaugurazione, le autrici Emanuela Zuccalà (giornalista) e
Valeria Scrilatti (fotografa) accompagneranno i partecipanti alla scoperta della mostra,
in una visita guidata gratuita.
Il progetto multimediale “Crossing the river” racconta la storia di Betty, Flaviour,
Halima e Natalia: quattro donne africane che non si conoscono, eppure combattono
una battaglia comune, per il diritto alla salute. Ogni anno, nel mondo, 303mila
donne perdono la vita per complicazioni legate alla gravidanza e al parto, e
per altre 10 milioni diventare madre significa trascinarsi malattie e infezioni per tutta
la vita. L’Africa sub-Sahariana, da sola, pesa per il 66%. Qui, per una donna, un
evento naturale come la maternità può trasformarsi in un’avventura
imprevedibile, come attraversare un fiume ignoto.
Betty, Flaviour, Halima e Natalia sono professioniste della sanità in Uganda,
Sierra Leone, Nigeria e Mozambico, nazioni con pessimi indicatori di salute
femminile. Lavorano all’interno del sistema sanitario locale, insieme a organizzazioni
come Medici con l’Africa Cuamm, per promuove lo sviluppo autonomo di strutture e
competenze, coinvolgendo le comunità e le istituzioni locali. Si prendono cura delle
donne: la mostra racconta il loro lavoro quotidiano.

La mostra fotografica è realizzata da Medici con l’Africa Cuamm in collaborazione
con Zona e sarà ospitata dal 7 al 19 giugno negli spazi della Fondazione Sassi
(via San Giovanni vecchio 24/27).

Ufficio Stampa Medici con l’Africa Cuamm
Linda Previato 340.6920505 / Paolo Casagrande 345.6507120

Orari di apertura: tutti i giorni, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00;
ingresso gratuito.

MEDICI CON L’AFRICA CUAMM
Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario
riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la
tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in
un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di
emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti.
Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 8 paesi dell’Africa sub-Sahariana
(Angola, Etiopia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sud Sudan,
Tanzania, Uganda) con oltre 2.200 operatori sia europei che africani; appoggia 24
ospedali, 64 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile,
lotta all’Aids, tubercolosi e malaria, formazione), 3 scuole infermieri e 1 università (in
Mozambico).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram