Pino Spadavecchia - ...E poi ho visto le mie mani sporche 3051 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2018
Fotografare Cuba. A Novembre, via al workshop di Viaggiemete
20/05/2018
Sulla strada giusta, con il nostro nuovo Navigatore dell'arte
19/05/2018
Non è estate se non hai il materassino di Cindy Sherman e il telo di Yayoi Kusama
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ONART GALLERY ​ Via Della Pergola 61/R Firenze 50121

Firenze - dal 3 al 13 febbraio 2018

Pino Spadavecchia - ...E poi ho visto le mie mani sporche

Pino Spadavecchia - ...E poi ho visto le mie mani sporche

 [Vedi la foto originale]
ONART GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Pergola 61/r (50121)
onartfirenze@gmail.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Questa mostra è dedicata all'operaio differente, che mette a nudo la duplice vita dell'artista contemporaneo che vive la sua vita diviso tra il dover essere socialmente e quella che realmente sente di essere e poter donare.
orario: da Martedì a Sabato ore 14-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 febbraio 2018. ore 18.00 con performance
curatori: Romina Sangiovanni
autori: Pino Spadavecchia
genere: arte contemporanea, performance - happening, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
"..poi ho visto le mie mani sporche

operaio del colore, operaio differente.."


Questa mostra è dedicata all'operaio differente, che mette a nudo la duplice vita dell'artista contemporaneo che vive la sua vita diviso tra il dover essere socialmente e quella che realmente sente di essere e poter donare.

L' artista produrrà direttamente alcune opere in galleria come atto performativo rendendo esecutivo lo spazio come azione ed eseguendo in pubblico ciò che sente nel mentre, denudando la propria anima. Oltre l'atto performativo verranno esposte alcune opere dell'amplia produzione dell'artista.

Forse la riflessione è più grande, universale, riguarda ognuno di noi da vicino: l' amore per quel che si è va oltre la maschera sociale che siamo costretti a portare l' impeto, la creazione, l' arte ci permette di essere nudi, essere ciò che si è e di salvarci.



"..E saremo sempre mare, nell'attesa di navigarlo , sia pure per una volta.."

Pino Spadavecchia

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram