Winfred Gaul - Malerei 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MENHIR ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Mario Giuriati 9 Milano 20129

Milano - dal 15 febbraio al 15 aprile 2018

Winfred Gaul - Malerei

Winfred Gaul - Malerei
Winfred Gaul, Senza titolo (1971) acrilico su tavola, 50 x 50 cm
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MENHIR ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Mario Giuriati 9 (20129)
+39 02 36707295
info@menhirarte.com
www.menhirarte.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto espositivo dedicato a Winfred Gaul, uno dei fondatori della Pittura Analitica degli anni Settanta, vuole presentare due momenti specifici della sua ricerca artistica: quello geometrico e quello analitico.
orario: da martedì a sabato, ore 11-13.30 e 14-18.30
Lunedì e festivi previo appuntamento allo 02-36707295
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 febbraio 2018. ore 18.30
catalogo: in galleria. a cura di Marco Meneguzzo e Alberto Rigoni, Graphic & Digital Project, Milano
curatori: Marco Meneguzzo, Alberto Rigoni
autori: Winfred Gaul
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La galleria Menhir Arte Contemporanea di Milano è lieta di annunciare la mostra dedicata a Winfred Gaul (1928-2003), uno dei pittori tedeschi che maggiormente hanno segnato la ricerca astratta nella seconda metà del XX secolo. Attivo fin dagli anni Cinquanta, Gaul ottenne i primi apprezzamenti da pubblico e critica per i suoi lavori informali, alcuni dei quali vennero esposti anche a “documenta 2” di Kassel nel 1959. La personale di Milano si concentra maggiormente sui due periodi immediatamente successivi, che lo hanno reso noto al grande pubblico anche in Italia: quello geometrico e quello analitico.

I legami con l’Italia sono molteplici: l’artista tedesco, infatti, lavorò all’epoca con gallerie italiane (La Polena di Genova e Peccolo di Livorno) e fu un instancabile indagatore del panorama dell’astrazione in Italia, che percorse nei suoi viaggi più volte fin dagli anni Sessanta. Il suo ruolo nella nascita della Pittura Analitica negli anni Settanta fu fondamentale: assieme al critico connazionale Klaus Honnef e all’amico e collega italiano Gianfranco Zappettini fu tra coloro che - con testi e opere - diedero un contributo decisivo allo sviluppo internazionale della corrente: con le sue “Markierungen” ritornò a “documenta 6” nel 1977.

Di queste fasi centrali della sua indagine pittorica, che continuerà instancabile fino alla morte nel 2003, la mostra presenta diversi esemplari. Le opere geometriche che dai “segnali” evolvono in una ricerca affine all’Arte Concreta, con i piani di colore che creano essi stessi le forme, anziché esserne delimitati. Quelle analitiche delle “Markierungen” si spingono verso il grado zero l’intervento del pittore, che si può limitare a un semplice segno sulla tela grezza alla ricerca nel nocciolo grammaticale del linguaggio pittorico.

Dopo le personali di Noël Dolla, Hansjörg Glattfelder e Gianfranco Zappettini, Menhir Arte Contemporanea con Winfred Gaul prosegue la sua linea di ricerca nella storia dell’arte europea del secondo dopoguerra. La mostra (dal 16 febbraio al 15 aprile 218) è accompagnata da un catalogo con testi dei curatori Marco Meneguzzo e Alberto Rigoni.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram