Macagnino, Speranza, Ferrante - Open Studio | 2° Piano Art Residence 2017 3214 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VIA MURAT ART CONTAINER ​ Via Gioacchino Murat 9 Palagiano 74019

Palagiano (TA) - dom 13 agosto 2017

Macagnino, Speranza, Ferrante - Open Studio | 2° Piano Art Residence 2017

Macagnino, Speranza, Ferrante - Open Studio | 2° Piano Art Residence 2017
"Imprinting". Progetto grafico di Annalisa Macagnino e Francesca Speranza
 [Vedi la foto originale]
VIA MURAT ART CONTAINER
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gioacchino Murat 9 (74019)
+39 3291323182
www.viamuratartcontainer.wix.com/center
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Esposizione conclusiva del percorso di residenza “II° Piano Art Residence”: Il tessuto sociale e urbano si fa tema di indagine e produzione artistica. Palagiano, piccolo centro della provincia tarantina si confronta con l’Arte contemporanea.
orario: 19.00 - 23.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 agosto 2017. 18.30
curatori: ZNSproject 2°Piano Art Residence, Margheria Capodiferro, Cristiano Pallara
autori: Paolo Ferrante, Annalisa Macagnino, Francesca Speranza
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
"II° Piano Art Residence" è un programma di residenze artistiche. L'artista Cristiano Pallara, in collaborazione con Z.N.S. project e Rivaartecontemporanea, apre le porte della sua casa-studio all'accoglienza di Artisti, Creativi e Curatori in Movimento, invitati ad esplorare, interagire e reinterpretare il territorio; condividere spazi, idee e riflessioni.

Il tessuto sociale e urbano locale diventa tema di indagine e di produzione artistica, con la possibilità di poter svolgere il proprio lavoro nello spazio laboratorio “Via Murat Art Container”, nel centro storico di provincia, a pochi km dal mare, una piattaforma di incontro, confronto e interazione di idee.
Cosa significa ospitare degli artisti invitarti ad interagire con il tessuto urbano e sociale dell'entroterra tarantino? Cosa implica la condivisione di spazi domestici, urbani e quotidiani in ambito artistico? L'accoglienza fa cultura? L'Arte, la cultura, la creatività generano valore aggiunto per una comunità che accoglie?

Annalisa Macagnino, Francesca Speranza e Paolo Ferrante concludono il primo step (1 – 15 Agosto) del programma di residenza “2° Piano Art Residence”, domenica 13 agosto, con l’evento espositivo “Open Studio | 2° Piano Art Residence”.

Doppia esposizione all’aperto con “Imprinting – I’m | printing” di Annalisa Macagnino e Francesca Speranza. Un progetto artistico di ricerca sul territorio caratterizzato dall’interazione e collaborazione con la cittadinanza per identificare le peculiarità specifiche di un luogo. Toponomastica, modi di dire, particolari architettonici e naturalistici sono in un primo momento tradotti in segni grafici, immagini fotografiche e testi ottenuti per mezzo della calligrafia e della stampa a caratteri mobili; per poi essere rielaborati e restituiti attraverso il linguaggio serigrafico.
Il progetto include nelle varie fasi della ricerca la partecipazione diretta della popolazione mediante workshop (fotografia, calligrafia, stampa a caratteri mobili e serigrafia), incontri e tavole rotonde in cui condividere idee e pratiche utili a individuare gli elementi che meglio rappresentano il territorio. La residenza prevede un open studio finale.


*I’M|PRINTING come il soggetto della ricerca, con lo scopo di identificare ed evidenziare le abitudini e gli elementi propri di un luogo che, tra sincretismo e sedimentazione, rivelano un aspetto dell’identità;
I’M|PRINTING come riferimento al processo di stampa serigrafica artigianale che le artiste utilizzeranno per la creazione di multipli che coinvolgeranno e invaderanno il tessuto sociale e urbano del paese.

Paolo Ferrante con “Segnaletica” trae ispirazione dal tessuto urbano locale con immagini rielaborate in una sintesi pittorica e installativa che segna nuovi percorsi. Segnali fantasiosi sono alla base di una ricerca sull’alterazione semantica degli strumenti di comunicazione di massa e di diffusione della cultura.
 
trovamostre
@exibart on instagram