Mauchi - Indeterminazione 3153 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO NOUR ​ Viale Bligny 42 Milano 20136

Milano - dal 6 al 20 giugno 2017

Mauchi - Indeterminazione

Mauchi - Indeterminazione
Mauchi
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO NOUR
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Bligny 42 (20136)
+39 , +39 (fax), +39
spazionour@gmail.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Allo Spazio Nour di Viale Bligny arriva l'antologica del fotografo toscano Mauchi.
orario: dal lunedì al venerdì 10 – 13 e 15 – 19 e sabato e domenica su appuntamento (telefonare al 388.7881752)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 giugno 2017. h 18.00
curatori: Elisabetta Rizzuto
autori: Maurizio Mauchi
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Milano: “Indeterminazione” di Mauchi allo Spazio Nour
Allo Spazio Nour di Viale Bligny arriva l'antologica del fotografo toscano Mauchi.



“Indeterminazione” è la mostra fotografica firmata Mauchi che prenderà il via allo Spazio Nour di Viale Bligny 42 martedì 6 giugno alle ore 18.
La mostra è un’antologica sull’arte di Mauchi a cura di Elisabetta Rizzuto e dedicata interamente alla fotografia in bianco e nero. “Mauchi vede bianco e nero – si legge nella presentazione – uno imprescindibile dall’altro, lo yin e lo yang da cui tutto ha origine. Il nero è freddo, oscuro, profondo, inerte e convive con il bianco caldo, chiaro, epidermico, dinamico. In questa geografia cromatica, il grigio è un colore indefinito e complementare a se stesso. Mauchi forza il gesto fotografico componendo grafici, segni e disegni. Come ‘lo stile d’erba’ della calligrafia cinese, tutto il lavoro di Mauchi si caratterizza per la ricerca della forma di un’armonia esistente in natura, che viene colta oltre l’oggetto della rappresentazione, spesso non più riconoscibile anche all’occhio più attento”.
La curatrice lega il lavoro dell'artista con una delle teorie più affascinanti della fisica moderna, il Principio di Indeterminazione, invitando il pubblico ad una riflessione sulla dimensione relazionale dell'arte. Come sostiene Heisenberg, padre della quantistica, l’osservatore e l’osservato in relazione generano mutamenti sempre diversi e imprevedibili. Allo stesso modo tutta la fotografia di Mauchi è imprecisa, indefinita e non ha alcuna determinazione data perché può assumerne diverse e generare una gamma infinita di percezioni e sensazioni.







L’appuntamento per l’inaugurazione della mostra è martedì 6 giugno alle ore 18. La mostra sarà visitabile dal 6 giugno al 20 giugno, dal lunedì al venerdì 10 – 13 e 15 – 19 e sabato e domenica su appuntamento (telefonare al 388.7881752). Ingresso gratuito.

MAUCHI è uno sperimentatore visivo. Nato nel 1973 a Lucca, inizia a fotografare giovanissimo da autodidatta. Alla fotografia presto affianca anche la produzione di video. E' appassionato di culture orientali e praticante dell'aikido, arte marziale giapponese. Ha vissuto in Liguria e poi a Prato, dove ha conosciuto Elisabetta Rizzuto con cui collabora allo sviluppo di progetti artistici. Oggi vive a Lucca e lavora tra l’Italia e la Svizzera.

Testo di presentazione della mostra a cura di Elisabetta Rizzuto
 
trovamostre
@exibart on instagram