Angelo Brescianini - Il Trionfo del Titano 3131 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA IL MINOTAURO ​ Via Torre Del Popolo 11/13 Palazzolo Sull'oglio 25036

Palazzolo Sull'Oglio (BS) - dal 6 maggio al 20 giugno 2017

Angelo Brescianini - Il Trionfo del Titano

Angelo Brescianini - Il Trionfo del Titano

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA IL MINOTAURO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Torre Del Popolo 11/13 (25036)
+39 3381539999
galleriaminotauro@alice.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra antologica
orario: da martedì a domenica ore 10-13 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 maggio 2017. ore 17.30
curatori: Antonio Falbo
autori: Angelo Brescianini
genere: design, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Nel borgo antico di Palazzolo sull'Oglio, Angelo Brescianini , ad un anno dalla scomparsa, continua la sua competizione con il tempo. Come Crono, il più giovane dei Titani che diviene "l'artista sovrano di un mondo fantastico che va al di là delle terre abitate” è ritornato con le sue ultime opere. Si inaugura il 6 maggio alle ore 17,00 presso le sale della Minotauro Fine Art gallery, che ha curato e distribuito in campo internazionale il suo lavoro e la sua immagine, un'ampia e ricca antologica.
La mostra è una summa della sua ultima produzione artistica e permetterà al pubblico di apprezzare la poliedricità di un artista che ha fatto della ricerca continua la sua prerogativa. Opere in cui si rivela il personale linguaggio brescianiniano elaborato attraverso la contaminazione fra i generi e le discipline o lo sconfinamento o sovrapposizione tra arte e design.
Tutto il lavoro di Angelo Brescianini, infatti, è la prova di come siano inadeguate le etichette entro le quali, con frequenza e ad ogni costo, spesso si cerca di intrappolare l'artista.
In più di trent'anni di attività, infatti, Angelo Brescianini non ha mai smesso di sperimentare, abbattendo i confini disciplinari, deludendo gli amanti delle categorizzazioni, dimostrando con disarmante naturalezza la possibilità di compendiare e trasformare in energetica e titanica Arte la sua finissima Techne ed il suo Logos , la sua capacità di comprensione totale e di immersione nella vita.
La sua è un’arte rivissuta da dentro, rivitalizzata anche passando attraverso i suoi erlebnisse della produzione industriale, del design e la più complessa ricerca pittorica.
Il visitatore potrà ammirare una significativa selezione di lavori di assoluta attualità riuniti per l'occasione. Acciai estroflessi o policromi in grado di produrre magiche armonie e ingannare l'osservatore con inattesi effetti speculari.
Dall'evoluzione delle ricerche nascono le ormai celebri "Espansioni"o"bagnature", come ebbe modo di definirle lo stesso artista, tutte realizzate sparando con armi da fuoco, fucili e pistole, contro supporti in acciaio per ottenere superfici estroflesse in grado di "raccogliere" la luce, creare dilatazioni visive ed espandere il deformato riflesso dello spazio circostante.
Queste opere, come ha scritto Antonio Falbo, "divengono quasi metafora del vuoto, dell’attesa e della provvisorietà delle cose. Attraverso zone arcane, si stabilisce in esse un sentimento di attesa, che si interroga sulle ragioni del ritmo e della compiutezza convenzionale ".
Brescianini è con un gesto dissacrante e non convenzionale, come lo sparo sul supporto, dunque, che manifesta la capacità di andare oltre il gesto pittorico, pur preservando il fascino tradizionale della pittura stessa restituito, in prima istanza, per mezzo del colore. Così nella mostra sarà possibile apprezzare sia superfici in acciaio "nude", bugnate per mezzo dello sparo e in grado di amplificarne le naturali capacità di riflessione e rifrazione della luce, sia superfici colorate, ottenute applicando alle stesse superfici in acciaio - particolari ossidi metallici.
In mostra non mancherà, inoltre, qualche prototipo di design: tavoli, lampade, sedute e altro ancora che metterà in luce l'universalità del linguaggio di Brescianini e la sua abilità nel declinare il suo estro creativo. L'iniziativa è patrocinata dal comune di Palazzolo sull'Oglio, dal Comune di Cavernago e dal MAON (Museo dell’arte dell’otto e novecento) di Rende.
Le esposizioni si svolgeranno nelle gallerie dove l’artista ha esposto:
MAON (Museo dell’arte dell’otto e novecento) di Rende.
Minotauro Fine Art Gallery, Palazzolo sull’Oglio (BS)
Luigi Proietti, Milano, Roma, Cortina d’Ampezzo, Spello.
Lattuada studio, Milano
Verduci arte. (CZ)

La mostra sarà presentata dal prof. Antonio Falbo, scopritore dell’artista e dal dott. Piraina, direttore di Palazzo Reale di Milano.
Contemporaneamente presso il MAON (Museo dell’Arte dell’Otto e Novecento), di Rende saranno esposte e illustrate le opere di Angelo Brescianini in permanenza, con una serie di interventi del Prof. Tonino Sicoli, direttore del museo.
 
trovamostre
@exibart on instagram