Fino al 30.VI.2019 - Giovanni Termini, …come in scia - Spazio C.O.S.M.O., Milano 3044 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 30.VI.2019
Giovanni Termini, …come in scia
Spazio C.O.S.M.O., Milano

   
  Egle Prati 
 
Fino al 30.VI.2019 - Giovanni Termini, …come in scia - Spazio C.O.S.M.O., Milano
pubblicato

Inaugurato a Milano il 31 marzo, anticipando il clima marittimo, "…come in scia" è l’ultimo progetto realizzato per Spazio C.O.S.M.O. da Giovanni Termini.
Spazio insolito, perché trattasi del sottotetto dello studio di Luca Pancrazzi ed Elena El Asmar: luogo affascinante, con grandi travi e luce soffusa, una sorta di sfida per gli artisti che qui hanno realizzato installazioni, Francesco Carone, Marta Dell’Angelo, Loredana Longo, Loris Cecchini, Concetta Modica, Ermanno Cristini.
Il lavoro di Giovanni Termini nasce e si relaziona con lo spazio, motivo per il quale - come ha dichiarato l’artista in una breve conversazione - ha trovato questo ambiente entusiasmante.
L’ispirazione per Termini parte dal quotidiano e da determinati contesti e luoghi, dagli oggetti anche inusuali che utilizza per creare sculture e installazioni modificando la percezione che si ha dei materiali comuni, in un gioco poetico e in un ribaltamento di senso.
Da scultore è affascinato dagli oggetti che portano con sé una storia oltre ad una funzione.

null
Giovanni Termini, ...come in scia, 2019, ferro zincato, teli ombrelloni da mare, neon temporizzato, site specific, Spazio Cosmo, Milano, Photo credit Spazio Cosmo

"…come in scia" evoca la traccia che lascia una barca quando solca il mare, orizzonte quotidiano per l’artista che vive a Pesaro. L’installazione traccia l’intero spazio, non c’è il mare ma è come evocato dagli ombrelloni a terra, divelti dal passaggio di una tempesta, con la luce diffusa dal lucernario e da un temporizzatore che filtra la luce di emergenza, come se da una visione poetica di leggerezza (il mare, la spiaggia, gli ombrelloni segno di protezione) si attuasse un ribaltamento di percezione, straniante e forte, perché il lavoro si pone in modo paradossale, in una visione di mondo trasformato.
Per Termini è importante il momento progettuale, con l’idea che prende forma e l’ispirazione determinata dal quel particolare luogo: questa installazione è nata da una lunga riflessione dopo aver visitato lo studio di Luca Pancrazzi e di Elena El Asmar circa un anno fa, e nel visualizzare Spazio C.O.S.M.O. questo è divenuto "opera” in un altro luogo, una installazione dal titolo: Tempo instabile con probabili schiarite 2018 e che ricorda il sottotetto di Milano, presentato in occasione della sua personale alla Galleria Vannucci di Pistoia. Spazio C.O.S.M.O. contenuto e contenitore.

Egle Prati
mostra visitata il 5 giugno

Dal 31 marzo al 30 giugno 2019
Giovanni Termini …come in scia
Spazio C.O.S.M.O. via Paolo Paruta 59, Milano

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Egle Prati
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram