La rivincita di 5 Pointz 3122 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La rivincita di 5 Pointz

   
 Sarà pure una magra consolazione, perché i "graffiti" non ci sono più, ma 6,7 milioni di dollari di risarcimento possono aiutare a togliere qualche sassolino dalla scarpa
  
 
La rivincita di 5 Pointz -
pubblicato

Fino a pochi anni fa, prendendo la linea 7 della metropolitana di New York in direzione del Queens, dopo aver attraversato l'East River e nei pressi del PS1, quello che si parava sotto la vista, su Jackson Avenue, era la "Mecca" dei graffiti. Stiamo parlando di 5 Pointz, l'unico building rimasto ad appannaggio dei writers dopo la gloriosa stagione degli anni '70 e '80. 
Ma si sa, negli Stati Uniti il "progresso" avanza e così succede che nel 2013 tale Gerald Wolfkoff, imprenditore che rileva il sito per farne residenziale di lusso, copre di bianco - nel bel mezzo di una battaglia che voleva tentare di strappargli di mano l'affare - tutto il caseggiato, con dieci mesi di anticipo rispetto ai contratti di utilizzo.
Un errore che ora Wolfkoff paga 6,7 milioni di dollari a 21 artisti, grazie alla sentenza emessa da un giudice federale, Frederic Block: "La vergogna di questo episodio è che, dal momento che 5 Pointz era un'attrazione turistica di spicco, il pubblico lo avrebbe indubbiamente affollato per dare i suoi addii durante quei 10 mesi. Guardando le formidabili opere spray per l'ultima volta", scrive, e aggiunge: "Sarebbe stato un tributo meraviglioso per gli artisti". 
Il giudice ha anche osservato che gli artisti, al contrario di Wolkoff, "si sono comportati con dignità", mentre gli avvocati dell'imprenditore hanno sostenuto senza successo che gli artisti sapevano da anni che la loro "tela" sarebbe stata abbattuta. 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram