Fino al 31.I.2018 - Giuseppe Pirozzi, Rudera. Sculture in terracotta 2007-2017 - Castel Sa... 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 31.I.2018
Giuseppe Pirozzi, Rudera. Sculture in terracotta 2007-2017
Castel Sant’Elmo, Napoli

   
  Rosa Esmeralda Partucci 
 
Fino al 31.I.2018 - Giuseppe Pirozzi, Rudera. Sculture in terracotta 2007-2017 - Castel Sant’Elmo, Napoli
pubblicato

«Ex imisi humi larvis / ex altis umbris parvis / labor temporis erumpit», Dalle larve remote della terra / dalle anguste-alte ombre / schizza la fatica del tempo, è l’incipit della poesia Rudera di Michele Sovente che, ispirata alle sculture di Giuseppe Pirozzi, oltre a suggerirne il titolo, rappresenta l’orizzonte lirico della mostra presentata a Castel Sant’Elmo e curata da Enrico Crispolti. L’esposizione si articola in tre diversi spazi del forte vicereale, ricostruendo così i momenti resilienti del percorso artistico dello scultore, declinato a partire dalla selezione delle opere in bronzo esposte nelle sale del Museo Novecento, fino alle venticinque sculture fittili dell’ultimo decennio, allestite nella Chiesa di Sant’Erasmo e nell’antistante Sacrestia, sulla piazza d’armi del Castello. 
Quali ruderi di un passato evocato come una sorta di «reliquiale racchiusa presenza», così le opere in terracotta ingobbiata, realizzate a tuttotondo e a rilievo dal 2007 a oggi, occupano la navata della Chiesa e, affluendo ordinatamente al centro in una compostezza quasi totemica, costituiscono le frange di corteo che avanza verso l’altare maggiore e culmina nel Trittico del 2017, sintesi della «nuova condizione operativa dell’immaginario plastico pirozziano». In esso, la materia è manipolata secondo un ordine evocativo-memoriale, dove la geometria combinatoria restituisce il residuo di una frammentaria oggettualità. In tal modo, la memoria monta fra le antiche vestigia di un passato del tempo e del proprio vissuto ed emerge dalle ombre spezzate e dalle cavità abissali, svettando laddove le forme si fanno aggettanti, per poi dipanarsi in ritmiche alternanze di accenti barocchi.

null
Giuseppe Pirozzi, Rudera. Sculture in terracotta 2007-2017, vista della mostra

Nel continuo evolversi delle forme e negli attraversamenti della materia mediante una composizione ricca di suggestioni, come in L’attesa (2017), in Angelo ribelle (2015), in Palmira (2014), in Aphasia (2012) e in Geometrie mentali (2005), compaiono sulle molteplici superfici frammenti di oggetti, brani di corpi, volti, lettere e numeri, intesi come un sistema di segni, un palinsesto di esperienze che metamorificamente si ricompongono nell’attualità dell’opera. 
Infine, nella complessa installazione Preghiere del 2013-17 allestita in Sacrestia, le cento formelle variopinte, disposte a parete come un’opera unica, formano un tessuto cromatico e plastico vibrante, dove i brevi riquadri attingono a un repertorio immaginifico proteso verso un’interiorità intima ed enigmatica, i cui brandelli lessicali sono devotamente raccolti e consegnati all’osservatore. 

Rosa Esmeralda Partucci
Mostra visitata il 13 ottobre 2017 

Dal 13 ottobre 2017 al 31 gennaio 2018 
Giuseppe Pirozzi, Rudera. Sculture in terracotta 2007-2017 
Castel Sant’Elmo, 
Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli 
Orari: lunedì e da mercoledì a domenica dalle 9.30 alle 17:00
Info: pm-cam.santelmo@beniculturali.it - +39 081 2294 449

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Rosa Esmeralda Partucci
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram