Fino al 17.XII.2017 - Navid Azimi Sajadi, Trasmografies - A01 Gallery, Napoli 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2018
Le opere di Andy Warhol protagoniste della nuova collezione pre-fall firmata Calvin Klein
22/05/2018
Al Museum of Liverpool, la storia d’amore tra Yoko Ono e John Lennon
21/05/2018
Tutti a Massacre Island. In Triste Tropique, i peggiori toponimi di Google Maps
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 17.XII.2017
Navid Azimi Sajadi, Trasmografies
A01 Gallery, Napoli

   
  Anna Di Corcia 
 
Fino al 17.XII.2017 - Navid Azimi Sajadi, Trasmografies - A01 Gallery, Napoli
pubblicato

La Galleria A01 conferma la sua vocazione per il collezionismo d'avanguardia con il nuovo progetto espositivo voluto dal direttore Giovanni Antignani, "Trasmografies”, raccolta di opere dell'artista iraniano Navid Azimi Sajadi, a cura di Marina Guida. La ricerca di Sajadi, che ha vissuto molti anni tra l'Iran e l'Europa, si contraddistingue per un sincretismo tra la cultura orientale e quella occidentale, partito da Teheran verso l'Europa subito dopo aver frequentato la Facoltà di Arte e Architettura, è entrato in contatto con città come Roma, dove ha studiato pittura e scultura multimediale all'Accademia di Belle Arti. L'artista ha poi esposto a Bologna, Dubai, Teheran, Istanbul, New York, Londra e poi ancora a Roma, presso la Galleria di Massimo Riposati e Mario Ugarelli, PH7. L'esposizione è fatta di disegni preparatori, studi, bozze e tavole in cui spesso mortificata è la figura della donna, che dall'utero partorisce illusorie giostre metalliche e alberi ramificati, arrivando a una visione maieutica dell’infanzia, memoria nostalgica di pace e serenità dell'artista.

null
Navid Azimi Sajadi, Untitled, 2017

Le sue immagini raccontano una grande abilità nel disegno, oltreché uno studiato maneggio della simbologia esoterica, in esse infatti i segni possono avere una duplice lettura, sono grafemi all'apparenza chiari che nascondono un significato recondito come la parola gold, che campeggia su una delle sue tavole ma che può essere confusa con la parola god. Nelle sue opere vi è la presenza incessante di sfondi dorati, in cui l'assenza tempo-spaziale tipica della ieraticità dell''icona bizantina indica la strada verso la deità che, per Sajadi, non esclude la lode al dio gold. Le parole gold/god attengono a tutte le religioni del mondo, nella cultura egiziana la divinità veniva rappresentata come luce dorata e anche nella cultura araba la parola "oro” e l'espressione "strada per arrivare a dio” sono espresse dallo stesso grafema ma con due pronunce diverse.
Tra i segni ricorrenti, le protesi di arti inferiori che, come ci ha detto l'artista, riprendono stati interiori e non sono riferimenti bellici, anche se egli stesso ammette di essere cresciuto per otto anni sotto la guerra. Tutti i lavori dal 2007 ad oggi hanno come segno distintivo il filo spinato a indicare uno spazio delimitato in zona di guerra, finalmente conquistato. 
Le sue, ha afferma, sono nuove strade in cui collegare l'arte mediorientale con la cultura occidentale, ottenendo tutta un'altra visione. L'operazione poetica è essenzialmente la ricerca di una strada metaforica con cui guardare la realtà, tentando di modificare il reale o la sua percezione soggettiva. 

Anna Di Corcia 
Mostra vistata il 28 ottobre 

Dal 28 ottobre al 17 dicembre 2017 
Navid Azimi Sajadi, Trasmografies
A01 Gallery, Napoli
Via Chiatamone 19, Napoli
Orari: da martedì a venerdì, dalle 11 alle 18
Info: 389 6630461

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Anna Di Corcia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram