ARTIGLIO 3132 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

ARTIGLIO

   
 Post mordaci su contemporaneo e affini. Prima puntata: i soldatini ubbidienti di Documenta
  
 
ARTIGLIO -
pubblicato

Una rubrica che è una pillola. Una pillola non avvelenata ma appuntita, su temi legati all'arte e alle sue manifestazioni, firmata con pseudonimi. Pavida? No, critica. Un graffio conciso su nervi scoperti che, talvolta, si tacciono. (MB) 

Adesso che si è conclusa e abbiamo ruminato per benino, possiamo dircelo?
Documenta 14: tanti, tantissimi bravi artisti. Due città coinvolte: la vasta e indisciplinata Atene, la tranquilla e ordinata Kassel. Due musei che hanno incrociato opere e geografie, con il risultato di un efficace neo-art-colonialism. Un budget solido e una comunicazione battente. Un direttore intelligente e un team curatoriale da stelle michelin. E tutti noi, globetrotter dell'arte.
Sì, diciamocelo che un’ideologia curatoriale fortemente programmatica e auto-referenziale diventa una gabbia dorata e distorta per artisti, opere e visitatori. Che un’idea forse geniale - sorretta magari da buoni propositi e da una militanza un tantino snob - trasforma pensieri e azioni in una esercitazione per soldatini ubbidienti. 
Globetrotter dell'arte: aspettiamo Documenta 15.

Kissxx
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

1 commento trovato 

28/09/2017
angelo
Quando si parla di “arte Contemporanea” sembra vincerla sempre una sorta di timore reverenziale (talvolta persino terrore reverenziale), anche quando fa capolino un certo spirito critico. Dunque questa pillola ci fornisce, come premesse: bravi artisti, direttore intelligente, un team curatoriale da stelle michelin, idea geniale; come conclusione: una esercitazione per soldatini ubbidienti (bella definizione: soldatini che combattono una guerra che forse manco loro capiscono, ma fanno quello per cui sono stati addestrati). Come dire: roba archiviabile con più infamia che gloria; come dire: se non la facevano era lo stesso o forse meglio. Mi chiedo, perché quando si parla di “arte Contemporanea” le premesse non sono coerenti con le conclusioni (che invece sono, si vede bene, il punto di partenza), e invece si cerca inevitabilmente di salvare capra e cavoli? Di rinvenire giustificazioni all’ingiustificabile? È sempre un po’ “qui lo dico e qui lo nego”. Perché non si dice pane al pane e vino al vino, cioè che la “arte contemporanea” (per un buon 90%, e spesso quella più celebrata), è show business ed è sostanzialmente inutile, velleitaria e pretestuosa, o appunto utile solo a se stessa? Artigli spuntati. Mi ricorda un po’ il tifo calcistico: la squadra del cuore gioca da far schifo e perde quasi sempre, ma resta sempre una grande squadra, aspettiamo la prossima partita. Boh?! Brisa par criticher… ma lo trovo profondamente ingiusto per quel 10% della "arte Contemporanea" – e per un altro 20% di vaglia ma escluso dal campionato – su cui si sorvola e che langue trascurato. IMHO.

trovamostre
@exibart on instagram