La proposta di Meeting art sul Contemporaneo 3136 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/04/2018
Triennale di Milano. Presentati il nuovo direttore e i quattro curatori di settore
20/04/2018
La metropolitana di New York e Spotify omaggiano David Bowie, con i ticket da collezione
20/04/2018
L’Agenzia Spaziale Europea digitalizza 82mila manoscritti della Biblioteca Vaticana
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La proposta di Meeting art sul Contemporaneo

   
   
 
La proposta di Meeting art sul Contemporaneo
pubblicato

Cinquecento lotti, per sei sessioni. Questi i piani di Meeting art per le prossime settimane, dal 17 al 25 giugno, giornate calde in cui si terranno le ancora più calde aste di Arte Moderna e Contemporanea nella sede di Vercelli della casa d’aste. 
Interessante una serie di carte presenti in asta, si va da una litografia e calcografia di Alberto Burri, a una Carta estroflessa di Enrico Castellani, fino a un importante Senza titolo del 1988 di Agostino Boalumi: una carta estroflessa intelata lavorata con tecniche miste che potrebbe raggiungere i 20mila euro. 
Tra le carte anche un Kounellis, Senza titolo, del 2006 che parte da una base d’asta di 4mila euro e potrebbe arrivare a 9mila euro, secondo la stima. Da notare anche il collage su carta di Giuseppe Capogrossi, Superficie CP333, con stima di 18/20mila euro, e Giosetta Fioroni, La sorella del 1969 con stima che varia da 18 a 20mila euro.
La lunga lista continua con Carla Accardi, presente con Senza titolo del 1971 con stima alta pari a 36mila euro, stessa stima per un altro lavoro dell’artista del 2008, Attrazione.
Tra i top lot anche Estroflesso giallo, del 1979 di Agostino Bonalumi che secondo la stima potrebbe raggiungere i 90mila euro. 
Molti i grandi nomi come che si susseguono sfogliando il ricco catalogo: Mario Schifano, Franco Angeli, Tano Festa, Arman Nobuyoshi Araki, Aldo Mondino, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Giuseppe Capogrossi, Mimmo Rotella e Vanessa Beecroft, per citarne alcuni.
Il catalogo si chiude con un importante lavoro di Enrico Baj, Lego 08, del 1963, un collage di mattoncini Lego e stoffe su tela, che potrebbe passare di mano a 70mila euro e oltre. (RP)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram