La galleria in residenza. - Luciana Brito da T293 3146 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La galleria in residenza.
Luciana Brito da T293

   
 Che succede se una galleria italiana e una portoghese si scambiano gli spazi? Una bella lezione di "condivisione". Anche di mercato?  
 
La galleria in residenza. - Luciana Brito da T293
pubblicato

Il fenomeno del "dialogo" è ben più ampio di quanto si creda, nel mondo dell'arte. Non è un caso che, e questa è una stelletta a favore del nostro settore, la xenofobia, il razzismo e le chiusure non appartengono al "fare cultura". E ci mancherebbe. Ed ecco così, che da sempre, gli artisti si scambiano opere e studi, che nascono collaborazioni e che, da un po' di tempo a questa parte, anche le gallerie vanno "in residenza" in spazi che non sono effettivamente i loro. A Roma è già accaduto con la genovese Pinksummer, che a settembre 2016 si era trasferita nella Capitale grazie all'invito di Fondazione per l'Arte, con il progetto "Gate".
Ora, nelle città delle Accademie straniere e Caput Mundi del vecchio "Grand Tour" arriva la brasiliana (da San Paolo) Luciana Brito, negli spazi di T293.
Ed ecco qui, ancora una volta, il portoghese a farla da padrone: oltre al fervente mercato brasiliano, infatti, facciamo senza ricordare che l'ultimo avamposto per giovani artisti e galleristi, designer e architetti, è Lisbona. E proprio uno degli artisti presenti in questo progetto, intitolato "Luciana Brito Galeria in-residence at T293", Héctor Zamora, presenta l’installazione di relitto di una tipica barca da pesca portoghese, e due fotografie realizzate in occasione di una performance realizzata lo scorso marzo al MAAT, la fondazione per l'arte della Capitale portoghese.
Poi c'è Pablo Lobato, che porta in scena - tra l'altro - la video-installazione Castell, 2012, concepita in occasione della tradizionale festa catalana durante la quale vengono innalzate delle torri umane, mentre Rafael Carneiro è presente con un vecchi lavoro, realizzato a Parigi nel 2010, che mette in relazione - sottolineandone il contrasto - tra la qualità della scena registrata dagli impianti di sicurezza e la qualità pittorica che ci si aspetterebbe da un’immagine in uno schermo. E poi? E poi si vola in Brasile, dove il prossimo agosto T293 presenterà, presso Luciana Brito, una collettiva di artisti rappresentati dalla galleria nata a Napoli e ormai naturalizzata romana. In barba a divisioni-(Br)exit, oceani, lost-in-translation e, perché no, differenti mercati che invece possono raccogliere collezionismi d'altre latitudini. (MB)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram