Capitani coraggiosi? 3134 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Capitani coraggiosi?

   
   
 
Capitani coraggiosi?
pubblicato

Quella di Davide Dormino alla Sapienza di Roma, proprio di fronte all'ingresso principale, forse l'università romana più prestigiosa, non è una semplice scultura. Non è nemmeno un monumento, non è una installazione. È una postazione, un luogo, una sedia, viatico importante grazie al quale poter riuscire a fare un passo avanti, a raccontare qualcosa. Si intitola Anything To say?, proprio  perché vuole interrogare gli spettatori i fruitori, coloro che sono vicino, intorno, ad avere il coraggio  la volontà di salire sulla sedia e dire qualcosa. Non è facile, si intenda. Intanto perché non sei solo, ma vicino si hanno altre tre sedie con sopra figure  scultoree che rappresentano Edward Snowden, Julian Assange e Chelsea Manning, e questi non sono tre semplici nomi di gente comune, ma personaggi contemporanei che hanno avuto il coraggio e la sfrontatezza di avere svelato verità insvelabili. Ma oltre a stare vicino a loro, salire sulla sedia significa essere un gradino più in alto degli

Altri, porsi in modo interlocutorio ma con maggiore consapevolezza di ciò che si sta dicendo. 

Non è facile dunque salire e parlare, ma anche salire e rimanere silenti ha un valore importante. Perché si è lì, testimoni di un tempo di un luogo di uno spazio, portatori di valori che oggi sembrano scomparsi. 

Il lavoro di Dormino, dopo avere girato per tante città europee importanti, approda finalmente nella città in cui l'artista vive e lavora. E si ha tempo fino al 13 dicembre per andare, trovare il coraggio, salire sulla sedia, e guardare il mondo davanti con una prospettiva diversa, ampia, che respira ed è in grado di sovrastare le emozioni del vivere quotidiano. La sedia vuota è lì ad aspettare giorno e notte, mattina e sera. E sarebbe bello vedere se i giovani che entrano ed escono dalle facoltà, avranno il

Coraggio e la sfrontatezza di salire e guardare, parlare, loro, ai quali stiamo lasciando un patrimonio culturale economico sociale difficilissimo da sciogliere Come una matassa piena di nodi. Magari di notte, dopo avere bevuto, ballato nel quartiere vicino di San Lorenzo, torneranno lì e saliranno quel gradino che rappresenta il primo di tanti per raggiungere il loro futuro. 

 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
trovamostre
@exibart on instagram