Il bello di essere smentiti 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il bello di essere smentiti

   
   
 
Il bello di essere smentiti
pubblicato

Il bello di partire prevenuti su un’idea, su un progetto, è quando capisci che hai sbagliato e ti devi ricredere. M piace quando avvengono cose che mi portano a ripensamenti, in fondo è il bello della vita. È stato così per l’ultima mostra al Macro. Sono andata, come è successo le ultime volte, con la certezza quasi matematica che tutto sarebbe stato noioso, poco nuovo o interessante. Appena arrivata invece ho visto un numero di persone molto più alto delle volte precedenti, e questo era già un sintomo positivo, perché se c’è una cosa brutta di un museo è quello di vederlo vuoto.  Tanta gente, tanti giovani. Ho pensato che il motivo fosse perché si inaugurava una mostra collettiva con tante persone. Se il motivo in parte può essere questo, la realtà è che la mostra era davvero interessante. Dall’oggi al domani, 24 ore di arte contemporanea, titolo di boettiana memoria, insiste sul tema del tempo, che pare rimanere ancora oggi uno dei più interessanti per gli artisti. Molte le partecipazioni, più di settanta. A me non è parso che il tema fosse esattamente quello del tempo, ma probabilmente in una mostra con così tanti artisti è difficile dare una collocazione logica per tutto ciò che si trova all’interno del concept. Però mi è piaciuto per esempio trovare al principio del percorso- o forse alla fine- un’opera davvero interessante di Daniele Puppi, realizzata per l’occasione, in totale adesione con il tema. Si sa che Puppi è un bravo artista, e che i suoi video sono sempre di grande impatto visivo e uditivo, ma stavolta, come direbbero i giovani, spacca. Già da fuori si sentiva l’audio del suo video, presentato su un grande monitor. Due visioni giustapposte, da un lato Psyco di Hitchock, dall’altro il remake di Gus Van Sant del 1998. Una percezione dell’immagine completamente cambiata, velocizzata, quindi un tempo diverso da quello reale. " Quando lavori in uno spazio, ti confronti con il tempo, ed è un tempo diverso che è quello che va vissuto nello spazio stesso”, ci racconta Daniele.

La cosa probabilmente più interessante di tutta la mostra è la varietà di tecniche utilizzate, espressioni multiformi quali le più conosciute pittura fotografia, video, fino alla diaristica, al ricamo, alla performance (vedi Chiara Camoni).  Ma ciò che più mi ha colpito è la presenza imponente di disegni, di ogni tipo e fattezze. E questa cosa mi ha colpito favorevolmente, perché è bello vedere che gli artisti ancora amano abbandonarsi alla prima pratica artistica, quella manuale appunto.

 



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram