I Passi perduti della Gnam 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

I Passi perduti della Gnam

   
   
 
I Passi perduti della Gnam
pubblicato

Ho sempre considerato la Gnam, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, uno dei luoghi più affascinanti di Roma, con opere di grande interesse e valore artistico. Mi sembra sia quella la casa del contemporaneo in questa città. Lo è divenuta ancora di più quando qualche anno fa fu chiesto a un artista romano d’adozione, Alfredo Pirri, di realizzare un lavoro site specific, da porre quasi all’ingresso del museo stesso. Passi si intitola, ed è un enorme lavoro installativo di oltre 400 metri, specchi posti a terra calpestabili dagli spettatori. Finalmente un’opera con duplice lettura, facile da capire anche per i non addetti ai lavori, interessante per chi l’arte contemporanea la mastica con competenza. A distanza di pochi anni, con un nuovo direttore, questa opera non c’è più. L’ingresso del museo è chiuso perché grandi opere di riqualificazione e ristrutturazione si stanno realizzando al suo interno. Un nuovo maquillage per la Gnam. Ho pensato fosse una bella idea, dare lustro ad un luogo pregno di cultura, e però è forte il dispiacere per avere perso per sempre, non mi si dica che si potrà ricollocare, un’opera fatta apposta. Il lavoro di Alfredo Pirri era diventato in poco tempo la cifra di quel museo, e a torto o a ragione la gente si ricordava di avere attraversato un lungo pavimento di specchi prima di entrare nel museo. Un’azione partecipata e partecipativa, un attraversamento, un’ascesa verso un luogo per molti ancora di difficile comprensione. Era anche divertente, ricordo mio figlio piccolo che correva su quegli specchi, ho visto molte persone fotografarlo, divertirsi giocarci. L’arte è anche questo, se non vogliamo renderla avulsa dalla realtà; è consapevolezza che con un solo lavoro si può attrarre pubblico in un luogo, si può lasciare un ricordo e la voglia di tornare in quel luogo stesso. Sono certa che il nuovo direttore farà cambiamenti straordinari, anche se mi auguro che, oltre a questo, con i soldi a disposizione farà mostre di pregio e acquisizioni da lasciare tutti noi a bocca aperta, ma spiace davvero che un lavoro pensato esattamente per quel luogo si sia perso per sempre. E non voglio nemmeno dare conto degli oltre centomila euro spesi per la realizzazione e la acquisizione del lavoro di Pirri, e del fatto che, dopo avere chiesto più volte alla nuova direttore un incontro- tramite il suo ufficio stampa- questi non mi abbiano nemmeno risposto. Avranno sicuramente cose ben più importanti da fare. 



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram